Sab, 01/29/2022 - 21:43 By oswald

Bolzano è stata scelta quest'anno come "Città della Memoria 2022". Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche hanno abbattuti i cancelli del Lager di Auschwitz, il campo di sterminio e luogo simbolo dell'Olocausto. Anche quest'anno, in occasione del giorno della Memoria, Bolzano ricordava il Lager di concentramento di Bolzano, la deportazione e le vittime, von una serie di iniziative, tra queste anche visite guidate all'ex Lager in Via Resia. Il Passaggio della Memoria ricorda con cartelli esplicativi, foto, diagrammi e file audio che si possono scaricare le condizioni crudeli e inumane del Lager. Un'installazione commemorativa evidenzia i nomi dei deportati nel Lager di via Resia. 
E' partito proprio dalla Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Noemi Di Segni, il suggerimento e l'invito a scegliere Bolzano quale sede dell'annuale evento organizzato dal CDEC in collaborazione con il Ministero dell'Interno, ossia l'allestimento della mostra "La persecuzione degli ebrei in Italia 1938-1945". 
Il Lager nazista di transito di Bolzano o "Polizeiliches Durchgangslager Bozen" fu in funzione dall'estate del 1944 al 3 maggio del 1945. In questi mesi vi furono immatricolati migliaia di uomini, donne e giovani, provenienti dall'intera Zona di Operazioni nelle Prealpi e dalle regioni dell'Italia del centro-nord, in massima parte per motivi politici, in ostaggi di familiari e per motivi razziali. L'elenco dei nomi conosciuti, più di 7.000, si può scaricare qui:http://www.gemeinde.bozen.it/UploadDocs/31294_Nomi_deportati_per_sito.pdf

Giorno della memoria